lunedì 28 ottobre 2013

A palavra ao estudante: Gianfranco Damiani - "Viagem a Portugal"

Mais uma nostálgica recordação dos belos tempos da juventude do nosso aluno e amigo GIANFRANCO DAMIANI... Obrigado pelo texto!


VIAGEM A PORTUGAL 

Lembro-me da minha primeira viagem a Portugal (como o título do célebre livro de Saramago). Era o ano 1979 e eu (e a minha mulher também) éramos muito novos.
Decidimos, naquele verão, fazer uma larga volta de carro por França, Espanha e, enfim, Portugal. Tínhamos um velho Fiat 127 que tinha em cima do tejadilho uma capota (a famosa, naquela altura, AIR-CAMPING que se abria lateralmente, com um escadote para subir e dormir por cima do tejadilho do carro).
Depois de atravessarmos a Loire e a Espanha do norte, chegámos enfim a Portugal. A primeira cidade que vimos foi Viana do Castelo. A lembrança mais vívida daquele lugar é a magnifica praia, com um mar que dava vontade de dar um mergulho. Mas a água era gélida de uma maneira insuportável e foi impossível tomar um banho.
Depois de Viana do Castelo a nossa etapa seguinte foi Lisboa. Entrámos na cidade por aquela que é talvez a mais bela artéria de Lisboa, a Avenida da Liberdade, cheia de árvores, pequenos jardins e estátuas. É, de verdade, a entrada no coração da cidade. Duas são as coisas que lembro mais de Lisboa: os telhados vermelhos dos prédios da cidade velha e a luminosidade do céu, que dá às cores em redor uma limpeza sem igual.

Pensando bem há uma outra coisa que lembro com prazer: os espargos brancos que comemos no restaurante Gambrinus (que ainda existe), perto da Praça do Rossio, e, no fim do jantar, o copinho de velho Madeira servido com um esquisito instrumento de manivela para evitar de vazar os resíduos do vinho.

GIANFRANCO DAMIANI



A palavra ao estudante: Nicoletta Del Gaudio - "Correr"

A nossa aluna NICOLETTA DEL GAUDIO escreve um texto interessante sobre uma das suas paixões: correr. Obrigado, Nicoletta, pelo texto!


CORRER


Descobri o prazer de "correr" (running) há pouco tempo, já madura, e é uma coisa que me apaixona muito. Quando eu vou correr de manhã, aprecio cada instante.  
Não quero ouvir música porque todos os meus sentidos devem estar despertos, aos cheiros, ruídos, às caras das pessoas que encontro.  
A óptima sensação que experimento quando o vento, ou o sol, ou a chuva tocam de leve a minha cara é única: sinto-me realmente livre e consigo pensar que tudo é possível: converto-me numa optimista.  
É verdade, sou uma mulher de 53 anos, mas sinto que ainda posso oferecer muito ao mundo do trabalho, sei que as minhas escolhas foram apropriadas, sinto-me uma pessoa melhor que não percebe a própria idade como um limite mas, ao contrário, como uma riqueza.  
A coisa mais incrível é que depois de ter corrido por uma hora, tenho a certeza que as pessoas que encontrarei no meu percurso de trabalho podem pensar o mesmo. Eu sei que muitas pessoas podem pensar que tudo isto é uma estupidez, mas eu não lhes dou importância.  
No tempo compreendi que é melhor viver a vida com mais leveza, não só para si mesmo mas também para os outros, as pessoas que de uma maneira ou de outra estão em relação connosco.  
De facto verifiquei que quando consigo ter aquela atitude, as pessoas que encontro são como contagiadas e tornam-se mais amáveis e disponíveis.

NICOLETTA DEL GAUDIO

II CONFERÊNCIA SOBRE O FUTURO DA LÍNGUA PORTUGUESA NO SISTEMA MUNDIAL



A  II CONFERÊNCIA SOBRE O FUTURO DA LÍNGUA PORTUGUESA NO SISTEMA MUNDIAL, que se realiza entre 29 de outubro e 1 de novembro de 2013, em Lisboa, terá transmissão por vídeodifusão, em http://conferencialp.org/, e cobertura por Twitter (#falarportugues), o que permitirá o acompanhamento de todas as sessões que se realizarem no Salão Nobre da Reitoria da Universidade de Lisboa, onde a conferência decorrerá.


A palavra ao estudante: Veronica Censi - "O senhor do Erasmus"

A nossa aluna VERONICA CENSI agradece ao um dos "inventores" do projeto ERASMUS a oportunidade que teve de conhecer Portugal graças a este programa europeu. Obrigado, Veronica, pelo texto!


O “Senhor do Erasmus”

Decidi escrever esta página sobre a minha vontade de dizer obrigada ao “Senhor do Erasmus”.
Porquê obrigada?
Porque aquele projeto modou-me a vida toda. Deu-me muitas oportunidades, muita autonomia de fazer, de viajar e de viver; mas sobretudo ajudou-me a descobrir Portugal e a sua língua.
Um país tão pequeno quanto maravilhoso, cheio de coisas simples como é a comida. Descobri também as suas maravilhosas cidades que dão para o oceano imenso.
Aquele ano de vida portuguesa deixou-me ver o mundo e a Europa de um outro ponto de vista: mais ocidental do meu, mais quente e mais calmo.
A calma, uma das características do ânimo português.
Percebi, entre outras coisas, que há muitas maneiras de viver, muitas diferentes vidas que podemos viver e só nós mesmos temos a escolha.
Então, muito obrigada por aquela oportunidade.
               
 VERONICA CENSI

domenica 27 ottobre 2013

Aplausos em Florença para Regina Pessoa e Abi Feijó

Breve testemunho fotográfica da homenagem prestada pelos cinéfilos italianos aos artistas portugueses REGINA PESSOA e ABI FEIJÓ, ontem, no cinema Odeon em Florença.





venerdì 25 ottobre 2013

Stefano Valente vince il premio "Linguaggi Neokulturali"

O nosso grande amigo e colaborador Stefano Valente vence um importante prémio literário!
MUITOS PARABÉNS caríssimo Stefano!



IN

Libri: "Di altre Metamorfosi", 
a Stefano Valente il premio 
"Linguaggi Neokulturali"

Lo scrittore romano si aggiudica l'edizione 2013 del Premio Nazionale. Le tematiche a sfondo filosofico, religioso, esoterico, sociale al centro della suo ultimo lavoro.

Libri: "Di altre Metamorfosi", a Stefano Valente il premio "Linguaggi Neokulturali"
Si è aggiudicato l'edizione 2013 del Premio Nazionale “Linguaggi Neokulturali”. A vincere la palma il romanzo inedito di Stefano Valente, scrittore romano nato nella Capitale nel 1963, dove vive e lavora. Laureato in Glottologia, è lusitanista e studioso delle lingue e letterature ibero-romanze.

ROMANZI E NARRATIVA - Dopo varie esperienze di traduzione, giornalismo free-lance (soprattutto per testate latinoamericane e canadesi) e di sceneggiatura, nonché come illustratore e disegnatore di fumetti, sceglie la scrittura quale forma creativa primaria.Vincitore di numerosi concorsi per il romanzo inedito e per la narrativa breve, la sua prima opera edita è il romanzo storico "Del Morbo - Una cronaca del 1770" (Serarcangeli editore, 2004), Premio Athanor 2004. Successivamente pubblica in Italia il thriller esoterico "Lo Specchio di Orfeo" (Edizioni Liberamente, 2008) che viene tradotto in Portogallo ("O Espelho de Orfeu" - Ésquilo Edições).

PREMI LINGUAGGI NEOKULTURALI - Nel 2013 vince il premio nazionale per il romanzo inedito “Linguaggi Neokulturali” con l’opera “Di altre Metamorfosi” che i lettori e la giuria di qualità (composta da addetti ai lavori: agenti letterari, direttori editoriali, scrittori e giornalisti) giudica prima su 2046 testi in concorso.

TESTO INNOVATIVO - Questa la scheda del romanzo redatta dalls scrittrice Silvia Longo: "Di Altre Metamorfosi è in assoluto il testo più innovativo, dal mio punto di vista. Per l’argomento coraggioso (non è da tutti affrontare tematiche a sfondo filosofico, religioso, esoterico, sociale, e scegliere di farlo così: non con un saggio, sebbene i contenuti vi siano tutti, ma in narrativa) e per la forma (una sorta di gioco ad incastro di vari racconti, il cui finale dell’uno coincide con l’inizio del successivo, in modo pressoché perfetto). Si rimane spiazzati, nelle prime pagine. Poi, se si decide di dare fiducia all’autore, ecco che un mondo si spalanca e si offre".

TALENTO DELLA SCRITTURA - Recensione che prosegue: "Vi è molta consapevolezza in questo autore. Egli dimostra di conoscere a fondo archetipi e simboli, leggende e miti, culture religiose e pratiche popolari, addirittura teorie scientifiche su spazio e tempo. Sebbene prevalga un forte elemento surreale, resta forte la caratterizzazione dei luoghi geografici descritti, che si fanno visibili e riconoscibili. E dei personaggi – per quanto poco spazio magari si conceda a ciascuno di essi. Peraltro si tratta di un romanzo corale, nel quale ciascuna voce, gradualmente, trova la giusta collocazione. La forma è precisa, sobria, efficace, colta, e nessun dettaglio è lasciato al caso. Se fossi un editore, di sicuro mi innamorerei di quest’opera, di questa penna, e la pubblicherei al volo (…). Nonostante il fine del concorso non sia la pubblicazione di un testo, ma il riconoscimento a un talento nuovo, in qualche modo diverso, non omologato, spero ugualmente – a dispetto di quanto appena affermato – di trovarlo presto in libreria".

STEFANO VALENTE - Nei suoi romanzi Stefano Valente ama “giocare” con i diversi generi  letterari (spesso incrociandoli tra loro): dal plot noir-storico al giallo all'horror, dalle cronache di disgregazione della società contemporanea fino alle “distopie” del futuro.” Con una scrittura colta, attenta ai vari livelli di linguaggio, che non teme di sperimentare nuove strutture narrative. Lo affascina, da sempre, “quell’attimo, quel tratto, comunque decisivo, in cui l’essere umano agisce – o si estrania – e nega se stesso scoprendo il suo contrario”. È questo ciò che insegue e tenta di descrivere.

INFO - Il sito è: http://www.stefanovalente.com; Il blog http://sognodelminotauro.blogspot.com in cui cura la traduzione e diffusione della narrativa breve, in special modo di lingua portoghese, spagnola e catalana.


Cátedra de Sophia


Cátedra Poesia e Transcendência
Sophia de Mello Breyner Andresen

Evocação da memória de Sophia de Mello Breyner Andresen
(no 95.º aniversário do seu nascimento)

6 de Novembro de 2013

18h00 . Abertura - Prof. Doutor Manuel Vaz e Prof. Doutor Arnaldo Pinho
18h15 . Apresentação Cátedra Poesia e Transcendência e conferência: «O vazio que persiste à minha beira. Sobre o lugar de Deus na poesia contemporânea» - Prof. Doutor José Rui Teixeira
18h50 . Evocação da memória de Sophia de Mello Breyner Andresen - Prof.ª Doutora Maria João Reynaud

UNiversidade Católica Portuguesa - PORTO
Auditório Carvalho Guerra
Campus Foz

http://www.porto.ucp.pt/pt/central-eventos/catedra-poesia-e-transcendencia-sophia-de-mello-breyner-andresen#sthash.rDReVNb0.dpuf


Tutto perchè la vita non basta. Gli ultimi tre giorni di Pessoa al Teatro Vascello

Recensione dello spettacolo di lunedì:
http://viadeiportoghesi.blogspot.it/2013/10/stasera-ore-21-teatro-vascello-gli.html


Di ISABELLA MORONI
in http://www.artapartofculture.net/2013/10/23/tutto-perche-la-vita-non-basta-gli-ultimi-tre-giorni-di-pessoa-al-teatro-vascello/

Il marciapiede davanti al Teatro Vascello è pieno di gente. Chi fuma, chi aspetta gli amici, chi fa la fila per i biglietti, chi sorseggia il calice di vino preso al Bistrot del Teatro, chi fotografa la locandina semi annegata in una vetrinetta alla quale il neon dà riflessi verdini.

Teatro di lunedì sera, un evento unico, la lettura teatralizzata di “Gli ultimi tre giorni di Fernando Pessoa” di Antonio Tabucchi con Massimo Popolizio e Gianluigi Fogacci per l’adattamento teatrale e la regia di Teresa Pedroni con musica e fado dal vivo grazie alla splendida voce di Isabella Mangani ed alle chitarre (classica e portoghese) di Felice Zaccheo.

Teatro di lunedì sera. Pieno. Sarà Pessoa, sarà il ricordo ancora così recente di Antonio Tabucchi e la nostalgia per la sua scrittura così semplice ed intensa, sarà che serate come questa non sono poi così frequenti. Sarà che la sala ci attende con un grande schermo calato sopra il sipario e appena si fa buio su quello schermo appare Tabucchi che racconta dello scrivere e della scrittura, che si moltiplica in immagini e parole. Bianconero già invecchiato, copertine di libri, verità appassionate.

Quando sale lo schermo e s’apre il sipario i leggii di Massimo Popolizio e Gianluigi Fogacci si animano sulle note della chitarra portoghese.

La storia narrata da Tabucchi forse la conoscete. Fernando Pessoa sul letto di morte aspetta la visita di tutti i suoi eteronimi e man mano che questi vengono a salutarlo ripercorre con loro pezzi di vita, narrazioni e filosofie.

Erano quattro le personalità poetiche inventate da Pessoa. Personalità diventate autentiche man mano che lo scrittore delineava il loro carattere, la loro attività, la loro psicologia, la loro carta astrale e, per qualcuno, anche il giorno della sua morte.

“L’origine mentale dei miei eteronimi sta nella mia tendenza organica e costante alla spersonalizzazione e alla simulazione“diceva Pessoa della sua incredibile creazione estetica ed ecco che fra palco e leggii s’avvicendano, nella stanza dell’ospedale São Luís dos Franceses, Álvaro de Campos, ingegnere navale e scrittore di liriche futuriste che, caso unico nella vita di Pessoa, esce fuori dall’ambito letterario e diventa finanche troppo presente nella vita reale del poeta; Ricardo Reis, medico, latinista e monarchico che predilige l’armonia classica della letteratura occidentale; Alberto Caeiro, colui che diede inizio al susseguirsi degli eteronimi , considerato da Pessoa come il maestro contadino, che propugnava una “non-filosofia” certo che nulla potesse far conoscere la Realtà, perchè questa è altrove; Bernardo Soares,impiegato in un ufficio della Baixa di Lisbona, il meno eteronimo di tutti, “una semplice mutilazione della mia personalità -diceva Pessoa- sono io senza il raziocinio e l’affettività“, autore del Libro dell’inquietudine, una delle maggiori opere della letteratura portoghese del secolo scorso.

Per tutti questi personaggi; Tabucchi ha un grande amore, per qualcuno anche molta tenerezza e li fa muovere accanto al poeta morente con immediatezza, memoria e molta ironia. Nessuna speculazione filosofica, ma tanta filosofia: nella trippa fredda e nelle minestre alentejane, nel non viaggio e nella Lisbona notturna vista con occhi innamorati da un miradouro, un panorama sulla cima della collina.

massimo popolizioMassimo Popolizio ci regala un Pessoa ancora curioso, vivace e pungente, cosciente che la morte stia arrivando e pronto ad accoglierla con la stravaganza che merita. Lavora sui toni, sul sarcasmo e sulla varietà delle voci, senza perdere occasione per rendere la grazia e lo splendore al testo. Discute con gli eteronimi interpretati da Gianluigi Fogacci ripetendo le loro parole, recitando i loro versi, a volte rappresentandoli in un ulteriore sdoppiamento.

Fra un eteronimo e l’altro s’insinua la musica di Felice Zaccheo e la voce limpida di Isabella Mangani, conosciuta alcuni anni fa ed oggi trasformata in quella di una fadista colta e appassionata, capace di interpretare la musica e il senso del destino con il cuore e la incarnazione lusitana.

Giunto alla sera del 30 novembre del 1935, Fernando Pessoa riceve la visita di un eteronimo minore, Antonio Mora, filosofo panteista pazzo, conosciuto nel manicomio di Cascais, autore de “Il Ritorno degli Dei” (“E quando gli dei torneranno perderemo questa unicità dell’anima, e la nostra anima potrà ancora essere plurale, come Natura vuole”).

E sulle finestre che si aprono alla notte per far volare l’anima, mentre la luna si fa immensamente grande e lontana, scorrono le ultime parole di Pessoa:

Caro António Mora, disse, Proserpina mi vuole nel suo regno, è ora di partire, è ora di lasciare questo teatro d’immagini che chiamiamo la nostra vita, sapesse le cose che ho visto con gli occhiali dell’anima, ho visto i contrafforti di Orione, lassù nello spazio infinito, ho camminato con questi piedi terrestri sulla Croce del Sud, ho attraversato notti infinite come una cometa lucente, gli spazi interstellari dell’immaginazione, la voluttà e la paura, e sono stato uomo, donna, vecchio, bambina, sono stato la folla dei grandi boulevards delle capitali dell’Occidente, sono stato il placido Buddha dell’Oriente del quale invidiamo la calma e la saggezza, sono stato me stesso e gli altri, tutti gli altri che potevo essere, ho conosciuto onori e disonori, entusiasmi e sfinimenti, ho attraversato fiumi e impervie montagne, ho guardato placide greggi e ho ricevuto sul capo il sole e la pioggia, sono stato femmina in calore, sono stato il gatto che gioca per strada, sono stato sole e luna, e tutto perché la vita non basta. Ma ora basta, mio caro António Mora, vivere la mia vita è stato vivere mille vite, sono stanco, la mia candela si è consumata, la prego, mi dia i miei occhiali.

ISABELLA MORONI
Giornalista culturale e autrice di testi ed adattamenti, si dedica da sempre alla ricerca di scritture, viaggi, tradizioni e memorie. Per dieci anni direttore responsabile del mensile "Carcere e Comunità" e co-fondatrice di "SOS Razzismo Italia", nel 1990 fonda l’Associazione Teatrale "The Way to the Indies Argillateatri". Collabora con diverse testate e si occupa di progetti non profit, educativi, teatrali, editoriali, letterari, giornalistici e web.

giovedì 24 ottobre 2013

16 ottobre: LAUREA AD HONOREM AD ÁLVARO SIZA VIEIRA - Politecnico di Milano

http://www.polimi.it/eventi/dettaglioevento/article/3582/laurea-ad-honorem-ad-alvaro-siza-vieira-2642/


Laurea ad Honorem ad Alvaro Siza


15 Ottobre 2013 - 8 Novembre 2013

Scuola di Architettura e Società _ Campus Leonardo



Il conferimento della Laurea magistrale ad Honorem si colloca, quest’anno, nel quadro delle celebrazioni del 150° anniversario del Politecnico di Milano e per questo assume, per la nostra Scuola, un particolare significato. La laurea da Alvaro Siza si affianca a quelle conferite, nel 1963, in occasione del centenario, ad Alvar Aalto, Louis Kahn, Kenzo Tange e, più di recente alle lauree in Planning conferite a Giancarlo De Carlo e Nuño Portas, confermando la continuità della nostra tradizione e della nostra linea di ricerca.

I rapporti con la Scuola di Porto sono stati per noi fondamentali anche nell’avvio del processo di internazionalizzazione, segnato per noi dal costante confronto e dialogo con le più significative ricerche progettuali condotte in ambito europeo.

Perciò abbiamo organizzato, a latere della cerimonia di conferimento della Laurea Honoris causa, in collaborazione stretta con Alvaro Siza, una mostra didattica sulla sua opera, dove saranno esposti disegni, modelli e fotografie di Gabriele Basilico e Roberto Collovà, che verrà inaugurata il pomeriggio del 15 Ottobre p.v., alle H 18.30, allo Spazio Mostre Guido Nardi e una Giornata di Studio- Milano-Porto, Architettura e Scuola che si terrà nella giornata di Giovedì 17 Ottobre p.v.

Inoltre, il 16 Ottobre, alle 14.30, presenteremo, con la partecipazione del Vice-Sindaco De Cesaris, il programma didattico “Ri- formare Milano”, all’avvio in questo anno Accademico.

L’insieme di queste iniziative costituiranno l’inaugurazione dell’ Anno Accademico 2013-14 della nostra Scuola.

Si ringrazia particolarmente Remo Dorigati e Maddalena d’Alfonso, principali promotori e curatori delle iniziative, e Simona Pierini per l'organizzazione ed anche Piercarlo Palermo, Gianni Scudo, Roberto Spagnolo, Guya Bertelli, Corinna Morandi che, insieme a Remo Dorigati, hanno proposto il conferimento della Laurea ad honorem.

Inaugurazione Mostra c/o Spazio Mostre Guido Nardi: 15 Ottobre ore 18.30

Laurea ad Honorem c/o Aula Rogers: 16 Ottobre 2013 ore 17.00
Iscrizione: http://www.150.polimi.it/#LHSiza/B>

Giornata Studio c/o Aula Rogers: 17 Ottobre 2013 ore 9-19
Iscrizione: http://www.150.polimi.it/#GiornataStudioSiza

Cerimonia di inaugurazione della mostra ALVARO SIZA - DISEGNI E MAQUETTES 15 Ottobre 2013: ISCRIZIONI AL LINK http://www.150.polimi.it/iscrizioni.php?id_evento=183&lang=it
Alvaro Siza http://alvarosizavieira.com/

Dulce Maria Cardoso editada pela Feltrinelli

Agradecemos a assinalação ao nosso leitor e amigo EROS OLIVIERI.

Il ritorno

“Un aereo tira una riga dritta in mezzo al cielo. In silenzio. Come un gesso pigro nella mano invisibile di dio. In altri tempi gli avrei risposto. Forse gli risponderò. In altri tempi avrei scritto, e forse lo farò, a lettere grandi per tutta la lunghezza del terrazzo in modo che debba per forza vedermi, io sono stato qui. Io sono stato qui.”

Il libro
Rui ha quindici anni e non capisce perché sono dovuti partire così tardi. È l’ultimo aereo che lascia l’Angola prima dell’indipendenza e c’è una confusione tremenda, gli ex coloni portoghesi quasi fanno a botte per andare via. Rui non sa come fare, con la madre e la sorella. E papà non arriva. Rui non ha mai visto la madrepatria. Quando scendono dall’aereo fa freddo. In Angola il freddo non esisteva. L’albergo di lusso dove li sistemano insieme a una massa di profughi dalle ex colonie è strano, sono tutti gentili ma distanti, sembrano in imbarazzo di fronte a loro. E papà non arriva. Rui non sa come fare. Non sa come fare con la madre malata, con le pasticche che non si trovano, con le crisi che incombono. Non sa come fare con la sorella che per integrarsi dimentica la vita di prima. Non sa come fare con la moglie del portiere che lo guarda con quegli occhi. Non sa come fare con la professoressa nuova che tratta lui e i suoi compagni “angolani” da deficienti. Ma papà quando arriva? L’ultimo straordinario romanzo di Dulce Maria Cardoso sui retornados dalle ex colonie dopo la Rivoluzione dei garofani. Con precisione narrativa e chiarezza di stile ammirabili, l’autrice ci svela un Portogallo in piena “restaurazione” post-dittatura. Una vicenda intensa, drammatica, raccontata attraverso gli occhi di un bambino, di “ritorno” in patria, che traccia una radiografia, anche linguistica, di un paese ancora intorpidito e forse frustrato dal recente capovolgimento storico.

Dulce Maria Cardoso è nata in Portogallo nel 1964, ma ha trascorso parte della sua infanzia in Angola. Tornata in Europa, si è stabilita a Lisbona e ha iniziato a scrivere soggetti cinematografici e racconti. Il suo primo romanzo, Campo di sangue (Voland, 2007), ha ricevuto il prestigioso Grande Prémio Acontece de Romance. Nel 2009 le è stato assegnato il Premio letterario dell’Unione Europea per Le mie condoglianze (Voland, 2007). Sempre per Voland ha pubblicato il suo terzo romanzo, Il compleanno, nel 2011.

http://www.feltrinellieditore.it/recensioni/2013/10/14/il-ritorno-di-dulce-maria-cardoso/

mercoledì 23 ottobre 2013

Lisboa no olhar de Michela Graziosi




A Michela começou por estudar português em Roma, deixou-se encantar por Lisboa e escreveu um esplêndido texto, publicado pelo jornal Público no P3: Lisboa: a beleza está em toda a parte.

Parabéns pelo texto e pela fotografia, Michela!

Firenze, 26 ottobre: Regina Pessoa e Abi Feijó al 35º Festival Internazionale Cinema e Donne

IN
http://embportroma.it/la-regina-dell-animazione-regina-pessoa-e-abi-feij-al-35-festival-internazionale-cinema-e-donne/

In questa 35ª edizione del "Festival Cinema e Donne", il Portogallo sarà rappresentato da Regina Pessoa, la più importante autrice di cinema d'animazione contemporanea.

Il Festival Internazionale di Cinema e Donne, che da oltre trent'anni racconta l'ingresso delle donne nel mondo dell'audiovisivo, si svolge nell'ambito della manifestazione 50 Giorni di Cinema Internazionale a Firenze, promossa da Comune e Provincia di Firenze, Regione Toscana e Fondazione sistema Toscana.

Regina Pessoa esprime nelle sue opere ricercate e personalissime la grande cultura del suo Paese, per la quale ha entusiasmato critici e amanti del disegno animato di tutto il mondo e forma con Abi Feijo la coppia straordinaria della nuova scuola portoghese di animazione.
Assieme guidano la casa di produzione CiclopesFilm.
Caratteristica dell'opera di Regina Pessoa è la grande intensità che si concentra in film brevi ma notevolissimi, il cui valore è stato riconosciuto da moltissimi premi prestigiosi. Lavora con molte tecniche, e sopratutto su una di sua creazione, l'incisione su blocchi di gesso, che conferisce alle immagini una qualità di luminosità "dall'interno" assolutamente unica ed emozionante. In una sua intervista, così definisce le possibilità di questa tecnica "Così da aprire la luce dentro il nero, e far venire alla superficie il disegno". I risultati incantano, creando un universo di contrasti che permette di comunicare forti sentimenti e definire perfettamente ambienti e paesaggi. La sua Trilogia dell'infanzia è considerato un vero e proprio capolavoro ("A Noite" "Historia Tragica con Final Feliz", "Kali, o Pequeno Vampiro").
Attualmente lavora sul tema della vecchiaia.

Regina Pessoa sarà introdotta al pubblico e alla critica dalla specialista del cinema d'animazione Matilde Tortora, che su di lei ha scritto anche un libro.

segnalato da ISABELLA PADELLARO
Sabato 26 ottobre 2013 h. 17.00
Cinema Odeon - Piazza Strozzi 2

Evento speciale in collaborazione con Ambasciata del Portogallo in Italia e Istituto Camões:

Regina Pessoa e Abi Feijó: i giganti portoghesi dell'animazione
L'APPRENDISTATO
O sadeadores
di Abi Feijo, 1993, 14'
Fado Lusitano
di Abi Feijo, 1995, 6'
Clandestino
di Abi Feijo, 2000, 7'
Su commissone
Ciclo vicioso
di Regina Pessoa, Abi Feijo, Pedro Serrazina,
1996, 23''
Odisseia nas imagens
di Regina Pessoa, 2001, 35''
Bergamo Film Meeting
di Regina Pessoa, Abi Feijo, 2012, 40''
La Trilogia
A noite
di Regina Pessoa, 1999, 7'
História trágica com final feliz
di Regina Pessoa, 2005, 8'
Kali o pequeno vampiro
di Regina Pessoa, 2012, 9'
Alla presenza degli autori, introdotti da Matilde Tortora.

http://www.laboratorioimmaginedonna.it/?page_id=3147
http://www.50giornidicinema2013.it/

Urogallo pubblica Mia Couto


Mia Couto
Ventizinco

codice ISBN 978-88-97365-19-8,
110 pp. | 12,00 €

Per ordinare il volume, non esitate a contattarci ai nostri tradizionali contatti, ripetuti in calce a questa mail.

Il libro:

Ventizinco è stato pubblicato in Portogallo nel 1999, per l’occasione del 25º anniversario della Rivoluzione del 25 aprile 1974. Questo romanzetto costituisce una riflessione sul senso che la Rivoluzione dei Garofani ha assunto, negli anni, dentro e fuori il Portogallo stesso, visto che essa è stata il punto di partenza per la liberazione delle colonie africane dal regime coloniale

Sullo sfondo di una località sperduta nell’interno del Mozambico si svolgono varie parabole di vita sconvolte, nel bene e nel male, dall’improvviso crollo del sistema coloniale. Il libro si compone di vari capitoli ognuno dedicato a una giornata, dal 19 al 30 aprile 1974, nell’imminenza e nelle immediate conseguenze della Rivoluzione dei Garofani. C’è chi prepara la vendetta, e chi, invece, come il commissario della polizia segreta del regime, non riesce a comprendere la portata degli eventi, continuando come se nulla fosse a perpetuare un regime che non c’è già più.


Dall’interno del volume:

«La sua paura era questa: che quelli che sognavano di essere bianchi tenessero i destini del paese. Proclamavano mondi nuovi, tutto in nome del popolo, ma niente era cambiato se non il colore della pelle dei potenti. La pentola della miseria sarebbe rimasta sullo stesso fuoco. Sarebbe cambiato solo il coperchio».

«Questo venticinque ancora non è niente. Devono venire altri venticinqui, più nostri, di quelli in cui ci sono solo un prima e un dopo».


L’autore

Mia Couto è considerato dalla critica il più grande scrittore mozambicano vivente. Di certo, con la sua prosa originale e audace, non è un autore che lascia indifferente il lettore. Noto per il suo sperimentalismo linguistico, che attinge direttamente alle fonti della scrittura del brasiliano João Guimarães Rosa e dell’angolano Luandino Vieira, si contraddistingue per una prosa che gioca molto sulla fusione di parole ed è marcata da una musicalità del tutto speciale.
Lettissimo in Portogallo, è tradotto nelle principali lingue europee. In Italia ha al suo attivo Voci all’imbrunire (Edizioni Lavoro, 1993); Il dono del viandante e altri racconti (Ibis, 1997); Terra sonnambula (Guanda, 1999); Sotto l’albero del frangipani (Guanda, 2002); Un fiume chiamato tempo, una casa chiamata terra (Guanda, 2005); Ogni uomo è una razza (Ibis, 2008); Perle (Quarup, 2011); Veleni di Dio, medicine del Diavolo (Voland, 2011).


Edizioni dell'Urogallo
Corso Cavour, 39
I-06121 Perugia
+39 075 5720560
+39 392 7129345
www.urogallo.eu

martedì 22 ottobre 2013

OGGI SPOSI

Não foi mesmo hoje... Foi no domingo passado: o nosso amigo Duarte, marco importantíssimo da presença portuguesa em Roma nos últimos anos, trocou o Lácio pela California... Para se casar com a belíssima Yelena!

MUITOS PARABÉNS!!!
MUITAS FELICIDADES!!!

De seguida um poema que lhes dedicaram Ivana Bartolini e Mariarita Vecchio, traduzido em português e em inglês.

Per Duarte e Yelena

La notte romana
lenta, piena di luna,
il profumo dei cornetti é nell'aria.
Le ombre si allontanano
resta il rumore dell'acqua
nella fontana
e
l'andare lento
delle tartarughe
che si stagliano contro il cielo.

1° agosto 2013





A noite romana
lenta, cheia de lua,
o perfume dos croissants no ar.

As sombras afastam--se
permanece o rumor da água
na fonte
e
o andar lento
das tartarugas

que se desenham contra o céu.

(trad. Francisco Dias)

The Roman night
slow, moon-full,
the smell of cornetti in the air.

The shadows depart
leaving the sound of water
in the fountain
and
the slow movement
of the turtles

outlined against the sky.

(trad. Peter Douglas)

ainda a propósito de Fernando Pessoa...


lunedì 21 ottobre 2013

Stasera, ore 21, teatro Vascello: "Gli ultimi tre giorni di Fernando Pessoa"

Teatro VASCELLO lunedì 21 ottobre ore 21
Appuntamento con Antonio Tabucchi con saudade
Un omaggio al grande scrittore

Compagnia Diritto e Rovescio
in collaborazione con I Concerti nel Parco
e con il Patrocinio dell’Ambasciata del Portogallo

presenta

Gli ultimi tre giorni di Fernando Pessoa
di Antonio Tabucchi

con Massimo Popolizio
e Gianluigi Fogacci

adattamento teatrale e cure registiche
di Teresa Pedroni

Musica dal vivo
Isabella Mangani (voce), Felice Zaccheo (chitarra portoghese e chitarraclassica)

Si ringrazia Alessandro Chiti per la collaborazione alle immagini video
Allestimento luci: Luigi Ascione
Elaborazione video: Claudio Cianfoni
Aiuto regista: Simone Faucci
Assistente alla regia: Elena Stabile
Assistenti volontari: Dafne Rubini e Adriano Di Carlo
Organizzazione generale: Loredana Sottile

Lo spettacolo nasce come omaggio al grande scrittore Antonio Tabucchi da poco scomparso. La scelta della messa in scena di questo racconto ci è sembrato un modo per dialogare ancora con lui e continuare a narrare in teatro il suo magico e irripetibile narrare. In questo racconto Tabucchi, con tenerezza e passione, descrive la morte di uno dei più grandi scrittori del Novecento della cui opera lui stesso si è occupato lungamente,traducendola e diffondendola nel mondo.
Il testo ripercorre gli ultimi tre giorni di agonia di Fernando Pessoa. Nel novembre 1935 Fernando António Nogueira Pessoa si trova nel suo letto di morte all’ospedale di São Luís dos Fanceses e come in un delirio, il grande poeta portoghese riceve i suoi eteronomi, i suoi personaggi letterari (Álvaro de Campos, Alberto Caeiro, Ricardo Reis, Bernando Soares, António Mora), parla con loro,elabora conflitti ancora aperti, detta le sue ultime volontà, dialoga con i fantasmi da lui stesso creati che l’hanno accompagnato per tutta la sua vita. Sarà l’attore Massimo Popolizio, nei panni dello stesso Pessoa, ad incontrare i vari eteronimi - interpretati da Gianluigi Fogacci - e in questi appuntamenti come per magia tornerà a tratti anche ad incarnarli, a ripetere le loro parole, i loro gesti, in un'atmosfera sospesa e inquietante, evocata dalle immagini di Alessandro Chiti, che, come nei sogni tornano quasi a prendere possesso della sua anima. Si assiste così alle varie trasformazioni di Pessoa come ad un rituale di congedo definitivo dai suoi personaggi e quindi anche dalla vita. Lo accompagnano in questo percorso struggente la voce della giovane cantante di Fado Isabella Mangani e la chitarra portoghese di Felice Zaccheo.
Un addio alla letteratura e alla vita che negli artisti somiglia in maniera impressionante alla vita vera… forse è la vita vera.


Teresa Pedroni

venerdì 18 ottobre 2013

STASERA: Tommaso Stegagno all'Istituto Portoghese

http://www.ipsar.org/modules.php?name=News&file=article&sid=102



Curata da Lara Crescimbene, la mostra all’IPSAR, presenta una ventina di scatti che l’autore, biologo specializzato in comportamento animale, ha raccolto nel corso di numerosi viaggi in tutto il mondo. La mostra rappresenta un cammino evolutivo tra le forme di vita più semplici, ma non per questo meno affascinanti, sino agli animali che hanno stabilito una relazione unica e profonda con l’uomo. Il risultato potrebbe lasciare molti avventori davvero stupiti.

Espressioni della Natura

Di Tommaso Stegagno

a cura di Lara Crescimbene

Inaugurazione Venerdì 18 Ottobre 2013, ore 18:30

Ingresso libero dal mercoleì alla domenica, dalle 16.00 alle 19.00, fino al 3 Novembre 2013.

Istituto Portoghese di Sant'Antonio in Roma

Via dei Portoghesi 6, 00186 Roma

19 ottobre: fisarmonicista portoghese João Barradas all'Auditorium di Roma

Il fisarmonicista portoghese João Barradas finalista al V-Accordion Festival - Auditorium Parco della Musica, sabato 19 ottobre h. 21.00


IN http://www.embportroma.it/il-fisarmonicista-portoghese-jo-o-barradas-finalista-al-v-accordion-festival-auditorium-parco-della-musica-sabato-19-ottobre-h-21-0/

Sabato 19 ottobre, presso la Sala Sinopoli dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, si svolgerà la settima edizione del V-Accordion Festival, un evento ideato, promosso e organizzato da Roland Europe, azienda produttrice di strumenti musicali elettronici.

La finale internazionale di Roma è l’ultimo dei tanti appuntamenti di un concorso che ha coinvolto ben 11 Paesi e che ha ospitato fisarmonicisti professionisti e amatori che suonano i più diversi generi musicali: tra questi è presente anche il Portogallo che quest’anno verrà rappresentato dal finalista João Barradas.

I migliori fisarmonicisti, vincitori delle rispettive gare nazionali, si esibiranno di fronte ad una doppia giuria composta da personaggi di spicco del mondo della fisarmonica e da costruttori del settore specifico.

Insieme a loro, interverranno alla kermesse alcuni prestigiosi ospiti d’onore, tra i quali la vincitrice dello scorso anno Tarabrina Klavdiya, Fabrizio Amici e Stefano Di Sturco, mirabili interpreti della canzone romana che affronteranno sonorità popolari miscelate a fraseggi meno folkloristici, e  the Royal Squeeze Box,  una cover band che propone le canzoni più famose dei Queen, cantate da Freddie Mercury, in una veste inusuale, grazie allo specifico arrangiamento elaborato per fisarmonica e voce. I componenti del duo, Roman Metzner alla fisarmonica e Aaron Perry alla voce, vengono rispettivamente dalla Germania e dall’Inghilterra.

La serata sarà presentata dall’attrice e cantante Mascia Foschi.

Urogallo pubblica Teolinda Gersão

Teolinda Gersão
La città di Ulisse


codice ISBN 978-88-97365-21-1
pp. 226 | 15,00 €

Per ordinare il volume, non esitate a contattarci ai nostri tradizionali contatti, ripetuti in calce a questa mail.

Il libro:

L’incontro di un uomo e una donna a Lisbona, la loro storia d’amore e la storia di entrambi, che è anche e più di tutto la storia d’amore per una città straordinaria. Quella città che i Romani avevano chiamato Olissipo, e per la quale la scrittrice portoghese Teolinda Gersão compie un grande atto d’amore.
In questa meravigliosa “visita guidata” di Lisbona, uno dei migliori spettacoli è lo stile di Teolinda Gersão nelle sue preziose descrizioni di una città che conosce come nessun altro. Celebrata nel corso della Storia da tanti cantori, poeti e scrittori, Lisbona non era mai stata omaggiata con un inno d’amore dai suoni tanto delicati come quelli che si odono nelle pagine di questo romanzo.


Dall’interno del volume:

«L’amore non dura. un giorno ci svegliamo e l’incanto si frantuma. Il mondo è tornato a essere quello che era. Ossia, più o meno nulla. È quello che ci aspetta, Cecília. L’amore è una finzione con cui per un certo periodo nascondiamo il vuoto, dentro e fuori di noi. Si tratta di un’esperienza che non hai mai provato, ma che un giorno inevitabilmente proverai: il vuoto, il nulla».

«I turisti vanno alla ricerca di luoghi per fuggire da se stessi, dalla routine, dallo stress, dall’infelicità, dalla noia, dalla vecchiaia, dalla morte. Vedono i luoghi di destinazione solo di sfuggita e non ne arrivano a conoscere nessuno, poiché immediatamente li cambiano con altri e fuggono più lontano. I viaggiatori vanno alla ricerca di sé, in altri luoghi. Che arrivano a conoscere intimamente poiché nessuno sforzo appare loro smisurato e nessun passo eccessivo, talmente grande è il desiderio di ritrovarsi».

«Un giorno mi svegliai con questa certezza: non saresti mai tornata.
E Lisbona scomparve con te».


L’autrice:

Teolinda Gersão (1940) è una delle scrittrici portoghesi più note della sua generazione. Oltre che in Germania, ha vissuto anche in Brasile, a San Paolo e in Mozambico, nella capitale Maputo. Ha ricevuto il Grande Prémio de Romance e Novela da Associação Portuguesa de Escritores per il romanzo A Casa da Cabeça de Cavalo nel 1995 e, tra gli altri, il Grande Prémio de Conto Camilo Castelo Branco per Big Brother isn’t Wathcing You e altre storie (titolo originale: Histórias de Ver e Andar), nel 2002. È tradotta in inglese, tedesco, francese, ceco, arabo, romeno e croato, ed è pubblicata in Brasile e negli Stati Uniti, dove alcuni dei suoi racconti sono dei best-seller e si sono guadagnati adattamenti teatrali e radiofonici.


Edizioni dell'Urogallo
Corso Cavour, 39
I-06121 Perugia
+39 075 5720560
+39 392 7129345
www.urogallo.eu

lunedì 14 ottobre 2013

13 ottobre - la Madonna di Fatima a Roma


L'«affidamento» di Francesco alla Madonna di Fatima
http://vaticaninsider.lastampa.it/vaticano/dettaglio-articolo/articolo/francessco-francis-francisco-28516/

In piazza San Pietro, domenica prossima Papa Francesco compirà un «atto di affidamento» a Maria davanti alla statua della Madonna di Fatima. L'atto di affidamento è inserito nelle celebrazioni per l'Anno della Fede, e riprende altri analoghi già compiuti dai Pontefici.


La statua originale della Madonna di Fatima, che porta incastonata sulla corona uno dei proiettili sparati contro Giovanni Paolo II nell'attentato del 13 maggio 1981, arriverà in piazza San Pietro il pomeriggio di sabato 12 ottobre, e Francesco sarà lì ad accoglierla. È la decima volta in poco meno di un secolo che l'effigie mariana conservata nella cappellina delle apparizioni di Fatima lascia il santuario portoghese. La sera, la statua sarà portata al santuario romano del Divino Amore, dove si svolgerà una veglia di preghiera. La mattina 13 ottobre, la statua tornerà in piazza San Pietro, dove il Papa celebrerà la messa.


La prima delle consacrazioni del mondo alla Vergine di Fatima avvenne durante il pontificato di Papa Pacelli. Il 31 ottobre 1942, nel pieno della Seconda Guerra mondale Pio XII, parlando in lingua portoghese alla radio, consacrò il mondo al cuore immacolato, facendo anche una menzione velata alla Russia, secondo la richiesta fatta dall'apparizione ai tre pastorelli di Fatima. Un'altra consacrazione avvenne proprio in piazza San Pietro da parte di Giovanni Paolo II, il 25 marzo 1984, in un momento in cui era alta la tensione sugli euromissili.


La statua originale aveva fatto ritorno in Vaticano l’8 ottobre dell’anno 2000, e in quell’occasione Giovanni Paolo II, alla presenza di 1500 vescovi di tutto il mondo aveva affidato il nuovo millennio alla Madonna, pronunciando parole che allora - undici mesi prima dei fatti dell'11 settembre 2001 - non vennero comprese: disse infatti che l'umanità era a un bivio e che poteva trasformare il mondo in un giardino fiorito oppure in un cumulo di macerie. Papa Francesco aveva fatto un accenno alla statua della Madonna di Fatima durante il suo primo Angelus, domenica 17 marzo, parlando di una delle copie della statua, portate in pellegrinaggio nel mondo. «Ricordo, appena vescovo, nell’anno 1992, è arrivata a Buenos Aires la Madonna di Fatima e si è fatta una grande messa per gli ammalati. Io sono andato a confessare,  a quella messa...».


Francesco aveva proseguito raccontato di una donna anziana venuta a confessarsi, che gli disse, sorprendendolo per la profondità della sua semplice fede: «Se il Signore non perdonasse tutto, il mondo non esisterebbe». Un mese dopo, era stato l'allora patriarca di Lisbona, il cardinale José Policarpo, ad annunciare che Papa Francesco gli aveva chiesto di consacrare il suo pontificato alla Madonna di Fatima: «Papa Francesco mi ha chiesto due volte che io consacri il suo nuovo ministero a Nostra Signora di Fatima».


L'atto di consacrazione è poi avvenuto il 13 maggio 2013. «Siamo ai tuoi piedi, i vescovi del Portogallo insieme a questa moltitudine di pellegrini, nel 96° anniversario della tua apparizione ai pastorelli - ha recitato Policarpo - per realizzare il desiderio di Papa Francesco, chiaramente manifestato, di consacrare a te, Vergine di Fatima, il suo ministero di vescovo di Roma e pastore universale». Che Francesco non abbia problemi a manifestare pubblicamente il suo attaccamento a Maria lo dimostrano anche le cinque visite che ha già compiuto per pregare nella basilica di Santa Maria Maggiore. Proprio l'icona della «Salus Populi Romani» è stata presente in piazza San Pietro in occasione della  veglia per la pace in Siria al termine della giornata di digiuno e preghiera del 7 settembre.

ANDREA TORNIELLI
CITTÀ DEL VATICANO

Presentazione della traduzione di Orlando Ribeiro “Portogallo. Il Mediterraneo e l’Atlantico”


La Società Geografica Italiana Onlus

giovedì 17 ottobre 2013, alle ore 17.00, nell’Aula “Giuseppe Dalla Vedova” di Palazzetto Mattei in Villa Celimontana (Roma – Via della Navicella n. 12), Maria Grazia Russo, Franco Salvatori e Luisa Spagnoli presentano la traduzione in italiano a cura di Federico Bertolazzi del volume di Orlando Ribeiro “Portogallo. Il Mediterraneo e l’Atlantico” (2012, Roma – Editrice Universitalia), nell’occasione verrà proiettato il documentario “Orlando Ribeiro: Itinerâncias de um Geógrafo” (2010);

                                                                                         
----------------------------------------
Tel. +39 06 7008279
Fax  +39 06 77079518
e-mail: segreteria@societageografica.it
www.societageografica.it

Simone Bozzato
Segretario generale della
Società Geografica Italiana Onlus
Via della Navicella, 12
00184 Roma

Villaverde Cabral ha parlato giovedì scorso a Roma sulle politiche agrarie di Salazar


Promised Lands, Internal Colonisation In 20th Century Mediterranean History

Rome / Sabaudia (Italy), 7-10 October 2013

Convened by:
Axel Fisher, Simone Misiani
and Cristóbal Gómez Benito
Local Organiser:
Gaetano Sabatini

 Faculty of Architecture laCambreHorta (Université Libre de Bruxelles, BE)
 Faculty of Political Sciences (Università degli Studi di Teramo, IT)
 Faculty of Political Sciences and Sociology (Spanish Open University UNED –Madrid, ES)
 Faculty of Humanities (Roma Tre University, Rome, IT)

The workshop deals with experiments of internal colonization implemented during the 20th
century in the Mediterranean area, compared from a trans-disciplinary perspective
combining both retrospective explanatory theories and prospective reflections around
issues such as: mechanisms of nationalisation, macro-regional identities, forms of political
government and economic development, town and country planning policies in regard to
architectural expression. New paradigms such as the “spatial turn” in the Humanities and
strategic societal issues in the spatial disciplines shall be explored, as well as further
collaborative research and teaching activities across the fields involved.

Tuesday 8 October 2013
Venue 2: Aula Verra Hall, Roma Tre University – Faculty of Humanities, FILCOSPE Dpt.
via Ostiense, 234-236, Rome

10.20-12.30 Morning Session: Agrarianism, totalitarianism and democracy in the
Mediterranean Countries. An Italo-Iberian paradigm?
Chair: Gaetano Sabatini (Università degli Studi Roma Tre, Italy)

10.40-11.00 «Internal Colonization» (IC) in 20th century Portugal
Manuel Villaverde Cabral (University of Lisbon, Portugal)


mercoledì 9 ottobre 2013

Santo António dos Portugueses - Concertos em Outubro



Domenica 6.10.2013
18.30 World organ festival
Organista: Roucher du Toit (Sud Africa)
Programma: opere di Bach,
Mendelssohn, du Toit

Venerdi 11.10.2013
21.00 Concerto di musica corale
“Cantoria di St. Jacobi” di Göttingen,
coro diretto da Stefan Kordes (Germania)
Programma: opere di Mendelssohn,
Brahms, Stanford, Swider, Rheinberger

Domenica 13.10.2013
18.30 Concerto di organo Parola e suono
Organista titolare: Giampaolo Di Rosa
Programma: improvvisazione su testi delle Sacre Scritture

Domenica 20.10.2013
18.30 concerto di organo
Organista: Przemislaw Kapituła (Polonia)
Programma: opere di Scheidt, Bach,
Petrali, Nowowiejski

Domenica 27.10.2013
18.30 concerto di organo
Organista titolare: Giampaolo Di Rosa
Programma: opere di Bach,
Guilmant, improvvisazione

martedì 8 ottobre 2013

Venerdì 11: James Nelson Novoa parla della famiglia portoghese Fonseca nelle conferenze Early Modern Rome

http://conference.eapitaly.it/

Friday, October 11
11:30 am-1 pm
Archivio storico Capitolino
Session Title: Family Identities and Strategies II
Chair: Cynthia Stolhans, Saint Louis University

The Fonsecas of Rome: A Portuguese Family with a Family Secret
James W. Nelson Novoa, University of Lisbon

James Nelson Novoa
The Fonsecas of Rome: A Portuguese family with a Family Secret

The paper will center around the Fonseca family, a family originally from the north of Portugal which managed to make important inroads in Rome over several centuries. A family chapel in the Spanish national church in Piazza Navona, the Minerva palace (the current day Hotel Minerva) and a handsome bust by Bernini in San Lorenzo in Lucina are all testimony to the patronage, staying power and search for affirmation of the Fonseca’s, a Portuguese family of Jewish origins which, facing persecution by the Portuguese Inquisition, first settled in Rome in the middle of the sixteenth century. The desire to suppress or overcome this “blight” at least in part explains the diverse strategies used by the family to ensconce itself in Rome, a family which produced important bankers, doctors and men of the church. The paper will take into account the crucial years of 1556 to 1668 in which the family shifted its center of influence from the church of San Biagio della Fossato that of San Lorenzo in Lucina.



Early Modern Rome 2

10-12 October 2013
University of California, Rome
Rome, Italy

In Celebration of the 10th Anniversary of the “Rome Through the Ages” program of the University of California Education Abroad Program

Early modern Rome was contradictory and complex; its vernacular and high culture animated and rich. From Petrarch’s crowning as Poet Laureate on the Capitoline in 1341 to the pontificate of Alexander VII Chigi in 1667, this conference aims to bring together scholars from a range of disciplines—history, art and architectural history, literature, music, dance, religious studies, food studies, philosophy, history of medicine or science, and others—to investigate the city and the campagna romana through a variety of different approaches and methods.

The resounding response to the first conference in May 2010—76 papers from researchers from 9 different countries over 3 days—mirrored the complex mix of the city itself and the changing face of Renaissance studies. The organizers wish to bring together in a single venue those whose research focuses on the city of Rome and the Roman countryside to encourage scholars to venture outside of their own disciplinary parameters to enter into dialogue with others and explore concurrent forms of cultural production or social and political events.

Please note that EMR 2 will extend the confines of the city by organizing sessions on the campagna romana, in particular on the Orsini-Odescalchi Castle of Bracciano. As in the tradition of EMR, the panel(s) “Beyond Rome” aim to bring together scholars from a range of disciplines—history, art and architectural history, literature, music, dance, religious studies, philosophy, history of medicine or science, diplomacy, gender, and others—to investigate the Orsini-Odescalchi Castle and its inhabitants through a variety of approaches and methods. The articles selected for the Bracciano panels will be re-examined after the conference by a special committee and published in two different texts: a scholarly book in English with an academic press and an abbreviated publication in Italian and English to illustrate the history, art and architecture of the Orsini-Odescalchi Castle.

Format
Conference papers should be 20-minutes (approximately 10 double-spaced pages) and may be in either English or Italian.

Organizers
Paolo Alei & Julia L. Hairston

Sponsors
Conference sponsored by the University of California, Rome with ACCENT and with the collaboration of the Istituto storico italiano per il Medioevo, the Biblioteca Vallicelliana, the Archivio Storico Capitolino, and the Castello Odescalchi di Bracciano.

ROMATRE - 9 Ottobre 2013 - ore 10,30 - prima lezione dei corsi di laurea in Lingue e Culture Straniere e Lingue e Mediazione Linguistico Culturale

Dipartimento di Lingue Letterature e Culture Straniere


Anno Accademico 2013-2014

Prima lezione dei corsi di laurea in

Lingue e Culture Straniere
e

Lingue e Mediazione Linguistico Culturale

Il dialogo delle lingue
Le lingue del dialogo

Prof. Abdelrazek Fawky Eid, Addetto Culturale dell’Ambasciata della Repubblica Araba d’Egitto e Direttore dell’Ufficio Culturale Egiziano

Prof.ssa Blanca Periñán, Università di Pisa

Al termine della lezione alcuni docenti illustreranno il funzionamento dei corsi di laurea presenti nel Dipartimento di Lingue Letterature e Culture Straniere

9 0ttobre 2013 - ore 10,30
Aula Magna della Scuola di Lettere Filosofia Lingue
via Ostiense, 234

“La Regina dell’animazione” Regina Pessoa e Abi Feijó al 35º Festival Internazionale Cinema e Donne

IN 

 XXXV FESTIVAL CINEMA E DONNE

“Uma Casa Portuguesa a Firenze” 

Presso la Libreria Fandango, a Roma, è stato presentato ieri, 3 ottobre, il “35º Festival Cinema e Donne”, che si svolgerà a Firenze, dal 24 al 30 ottobre 2013, nell’ambito della Rassegna Cinematografica “50 giorni di Cinema Internazionale a Firenze”.

La Conferenza Stampa, alla presenza di un pubblico attento e sensibile al tema della donna, e della violenza contro la donna, ha sottolineato l'importanza del ruolo svolto dal cinema e dalle diverse forme d’arte: la ribellione delle donne da sola può non bastare, ma attraverso la cultura e con il sostegno degli strumenti della comunicazione è possibile cambiare la visione del mondo.

In questa 35ª edizione del “Festival Cinema e Donne”, rappresenterà il Portogallo Regina Pessoa, la  più importante autrice di cinema d’animazione contemporanea.
Il suo valore è riconosciuto da tanti premi prestigiosi. Regina esprime nelle sue opere ricercate e personalissime la grande cultura del suo Paese, per la quale si è giustamente parlato di Rinascimento portoghese, per la presenza di grandi autori, tra i quali Abi Feijó, del quale saranno mostrate alcune opere.

Caratteristica dell’opera di Regina Pessoa è la grande intensità che si concentra in film brevi ma notevolissimi.

Lavora con molte tecniche, e sopratuto su una di sua creazione, l’incisione su blocchi di gesso, che conferisce alle immagini una qualità di luminosità “dall’interno” assolutamente unica ed emozionante. In una sua intervista, così definisce le possibilità di questa tecnica “Così da aprire la luce dentro il nero, e far venire alla superficie il disegno”. I risultati incantano, creando un universo di contrasti che permette di comunicare forti sentimenti e definire perfettamente ambienti e paesaggi. Può veicolare temi diversissimi tra loro ma tutti definiscono la sua Trilogia dell’infanzia come un vero e proprio capolavoro. “A Noite” “Historia Tragica con Final Feliz “Kali, o Pequeno Vampiro”. Attualmente lavora sul tema della vecchiaia.

Regina Pessoa sarà introdotta al pubblico e alla critica dalla specialista del cinema d’animazione Matilde Tortora, che su di lei ha scritto anche un libro.

Isabella Padellaro

Sabato 26 ottobre 2013 h. 17.00
Cinema Odeon – Piazza Strozzi 2

Programma
O sadeadores de Abi Feijó, 1993, 14’14’’ Portugal
Fado Lusitano de  Abi Feijó, 1995, 5’35’’ Portugal
Clandestino de Abi Feijó, 2000,6’45’’  Portugal
Ciclo Vicioso de Regina Pessoa, Abi Feijó e Pedro Serrazina – 1996, 25’ Portugal
Odisseia na imagens de   Regina Pessoa, 2001,1’ Portugal
Bergamo Film Meeting de Regina Pessoa e Abi Feijó, 2012, 40’ Portugal
A noite  de Regina Pessoa,1999, 6’42’’ Portugal
História Trágica com Final Feliz  de Regina Pessoa. 2005, 7’42’’ Portugal
Kali o pequeno Vampiro  de Regina Pessoa, 2012, 9’20’’ Portugal

http://www.50giornidicinema2013.it/

21 ottobre, Teatro Vascello - Gli ultimi tre giorni di Fernando Pessoa

Dopo l'omaggio di marzo negli studi di Radio 3, ho l'onore di tornare sul palco con Antonio Tabucchi e Fernando Pessoa nel cuore.


21 OTTOBRE 2013 - TEATRO VASCELLO, ROMA
COMPAGNIA DIRITTO & ROVESCIO In collaborazione con I CONCERTI NEL PARCO
GLI ULTIMI TRE GIORNI DI FERNANDO PESSOA
di Antonio Tabucchi

con il Patrocinio dell'Ambasciata del Portogallo

Appuntamento con Antonio Tabucchi
Reading con musica dal vivo
con Massimo Popolizio e Gianluigi Fogacci
adattamento teatrale e cure registiche di Teresa Pedroni
musica dal vivo Isabella Mangani (voce), Felice Zaccheo (chitarra portoghese e chitarra classica)

light designer Luigi Ascione
aiuto regista Simone Faucci
assistente alla regia Elena Stabile

@@Attenzione, è una replica unica@@

"Lo spettacolo nasce come omaggio al grande scrittore Antonio Tabucchi da poco scomparso. La scelta della messa in scena di questo racconto ci è sembrato un modo per dialogare ancora con lui e continuare a narrare in teatro il suo magico e irripetibile narrare. In questo racconto Tabucchi, con tenerezza e passione, descrive la morte di uno dei più grandi scrittori del Novecento della cui opera lui stesso siè occupato lungamente,traducendola e diffondendola nel mondo.
Il testo ripercorre gli ultimi tre giorni di agonia di Fernando Pessoa. Nel novembre 1935 Fernando António Nogueira Pessoa si trova nel suo letto di morte all'ospedale di São Luís dos Fanceses e come in un delirio, il grande poeta portoghese riceve i suoi eteronomi, i suoi personaggi letterari (Álvaro de Campos, Alberto Caeiro, Ricardo Reis, Bernando Soares, António Mora), parla con loro, elabora conflitti ancora aperti, detta le sue ultime volontà, dialoga con i fantasmi da lui stesso creati che l'hanno accompagnato per tutta la sua vita. Sarà l'attore Massimo Popolizio, nei panni dello stesso Pessoa, ad incontrare i vari eteronimi - interpretati da Gianluigi Fogacci - e in questi appuntamenti come per magia tornerà a tratti anche ad incarnarli, a ripetere le loro parole, i loro gesti, in un'atmosfera sospesa e inquietante, quasi ne fosse posseduto. Si assiste così alle varie trasformazioni di Pessoa come ad un rituale di congedo definitivo dai suoi personaggi e quindi anche dalla vita. Lo accompagnano in questo percorso struggente la voce della giovane cantante di Fado Isabella Mangani e la chitarra portoghese di Felice Zaccheo.
Un addio alla letteratura e alla vita che negli artisti somiglia in maniera impressionante alla vita vera… Forse è la vita vera."

18 ottobre - Galleria IPSAR: Tommaso Stegagno,”Espressioni della natura”

Curata da Lara Crescimbene, la mostra all’IPSAR, presenta una ventina di scatti che l’autore, biologo specializzato in comportamento animale, ha raccolto nel corso di numerosi viaggi in tutto il mondo. La mostra rappresenta un cammino evolutivo tra le forme di vita più semplici, ma non per questo meno affascinanti, sino agli animali che hanno stabilito una relazione unica e profonda con l’uomo. Il risultato potrebbe lasciare molti avventori davvero stupiti.


Il Rettore dell’Istituto Portoghese di Sant'Antonio in Roma,
Mons. Agostinho da Costa Borges,

sotto il patrocinio di

S.E. l’Ambasciatore del Portogallo presso la Santa Sede
Dott. Antonio de Almeida Ribeiro,
ha il piacere di invitare la S. V.
all’inaugurazione della mostra personale di fotografia 

Espressioni della Natura
Di Tommaso Stegagno

         a cura di Lara Crescimbene


Inaugurazione Venerdì 18 Ottobre 2013, ore 18:30 
Ingresso libero dal mercoledì alla domenica, dalle 16.00 alle 19.00, fino al 3 Novembre 2013.
Istituto Portoghese di Sant'Antonio in Roma
Via dei Portoghesi 6, 00186 Roma


Da venerdì 18 Ottobre, sino al 3 novembre 2013, i suggestivi spazi dell’Istituto Portoghese di Sant’Antonio (IPSAR), nel centro storico capitolino, tra l’Ara Pacis, il Pantheon e Palazzo Madama, faranno da cornice alla mostra fotografica di Tommaso Stegagno, Espressioni della Natura.
Curata da Lara Crescimbene, la mostra all’IPSAR, presenta una ventina di scatti che l’autore, biologo specializzato in comportamento animale, ha raccolto nel corso di numerosi viaggi in tutto il mondo. La mostra rappresenta un cammino evolutivo tra le forme di vita più semplici, ma non per questo meno affascinanti, sino agli animali che hanno stabilito una relazione unica e profonda con l’uomo. Il risultato potrebbe lasciare molti avventori davvero stupiti. 

…“ E’ sorprendente l’attenzione che Tommaso Stegagno rivolge ad ogni essere vivente, non importa se sia appena visibile o difficile da raggiungere. La tensione che lo avvolge prima dello scatto è rivolta a cogliere ogni impercettibile sfumatura che riveli le peculiarità di un animale, è una spinta costante ad andare oltre la forma per coglierne la vera essenza. La mostra è stata realizzata come un vero e proprio percorso evolutivo lungo migliaia di anni che si snoda attraverso le varie sale dedicate. E’ un viaggio tra le più diverse specie animali, da creature minuscole a esemplari possenti, che si immerge nelle profondità marine per arrivare attraverso i cieli alle rigogliose foreste tropicali. L’occhio dello scienziato emerge in ogni immagine, ciascuna di esse è stata corredata da una descrizione scientifica che ne narri aspetti peculiari e poco noti che rendono ogni animale una creatura meravigliosa, affascinante su cui vale sempre la pena soffermarsi e ammirare…”.
Il curatore della mostra Lara Crescimbene

http://www.tommasostegagno.altervista.org/


Istituto Portoghese di Sant'Antonio in Roma
Via dei Portoghesi, 6 - 00186 ROMA
Tel.: (+39)06 68 80 24 96
Fax: (+39)06 68 65 234
www.ipsar.org 
Per essere inseriti nella mailing-list
appuntamenti@ipsar.org